Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.
16, Ottobre 2019, 11:50:39
Home Help Ricerca Calendario Login Registrati

+  e-Compa
|-+  e-Compa Forum
| |-+  VARIE & EVENTUALI
| | |-+  LIBRI DA LEGGERE!!! I VOSTRI CONSIGLI...
0 Utenti e 1 Visitatore stanno guardando questo topic. « precedente successivo »
Pagine: « 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 » Stampa
Autore Topic: LIBRI DA LEGGERE!!! I VOSTRI CONSIGLI...  (Letto 113365 volte)
Cagno
Homo Sapiens Sapiens
*****
Offline Offline

Posts: 597


cagno80@hotmail.it
Guarda Profilo Email
« Risposta #10 il: 23, Settembre 2007, 17:13:16 »

VOLPE VOLANTE DELLA MONTAGNA INNEVATA, di Jin Yong, editrice Pisani.

La storia si svolge nelle regioni remote della Manciuria. Un mattino d'inverno, nell'era Qianlong, la Setta del Drago Celeste si scontra con la Banda del Fiume Yinma, per il possesso di un antico scrigno che dovrebbe custodire una preziosa arma.
Mentre i guerrieri sono impegnati in un duello senza esclusione di colpi, l'improvvisa comparsa sulla scena del monaco Bao Shu determina un'inaspettata svolta nel corso degli eventi: li condurrà al castello del Picco di Giada dove sono attesi i più grandi eroi del paese per il duello finale contro Volpe Volante.
In attesa della battaglia, i protagonisti rievocano vicende, intrighi e lotte occorsi nel passato, ricostruendo così la storia di Volpe Volante, il valoroso e temuto guerriero che metterà fine alla disputa centenaria.


Gli eroi e le eroine di questo romanzo incarnano i valori fondamentali della cultura e della tradizione popolare cinese: sono esperti nelle arti marziali, hanno sviluppato poteri straordinari, conoscono colpi e armi segreti, ma soprattutto sono uomini e donne carismatici e fedeli ai loro ideali: l'onore, la giustizia e l'amore.

LIBRO DAVVERO FANTASTICO, FINITO COME BERE UN BICCHIERE D'ACQUA!  Pollice

Dimenticavo: CENTO MILIONI DI COPIE VENDUTE IN TUTTO IL MONDO! Wink


* Volpe volante della montagna innevata.jpg (33.96 KB, 186x292 - visto 329 volte.)
« Ultima modifica: 01, Agosto 2011, 21:36:43 da Cagno » Segnala al moderatore   Loggato

...D'autunno raccolsi tutti i miei dolori per seppellirli in giardino.
E quando tornò aprile e la primavera si unì in matrimonio alla terra, crescevano nel mio giardino fiori bellissimi, che non somigliavano a nessun altro fiore.
E i miei vicini vennero ad ammirarli chiedendomi alcuni semi...
Basca20
Visitatore
« Risposta #11 il: 24, Settembre 2007, 08:03:10 »

Dev'essere un bel libro questo...appena terminerò i tre che sto leggendo contemporaneamente, giuro che ci butto un occhio...  Grin
Segnala al moderatore   Loggato
Cagno
Homo Sapiens Sapiens
*****
Offline Offline

Posts: 597


cagno80@hotmail.it
Guarda Profilo Email
« Risposta #12 il: 24, Settembre 2007, 09:31:07 »

Ammazza!! COMPLIMENTI!!!!

Ma come fai a leggere 3 libri contemporaneamente? Non dev'essere per niente facile!  Bravo
Segnala al moderatore   Loggato

...D'autunno raccolsi tutti i miei dolori per seppellirli in giardino.
E quando tornò aprile e la primavera si unì in matrimonio alla terra, crescevano nel mio giardino fiori bellissimi, che non somigliavano a nessun altro fiore.
E i miei vicini vennero ad ammirarli chiedendomi alcuni semi...
Basca20
Visitatore
« Risposta #13 il: 24, Settembre 2007, 10:02:09 »

INFATTI, NON CI STO CAPENDO PIU' NIENTE AHAH
Segnala al moderatore   Loggato
Cagno
Homo Sapiens Sapiens
*****
Offline Offline

Posts: 597


cagno80@hotmail.it
Guarda Profilo Email
« Risposta #14 il: 24, Settembre 2007, 10:04:56 »

Chissà che confusione che avrai in testa, fra i personaggi e tutto il resto.
 Grin Grin Grin
Segnala al moderatore   Loggato

...D'autunno raccolsi tutti i miei dolori per seppellirli in giardino.
E quando tornò aprile e la primavera si unì in matrimonio alla terra, crescevano nel mio giardino fiori bellissimi, che non somigliavano a nessun altro fiore.
E i miei vicini vennero ad ammirarli chiedendomi alcuni semi...
Basca20
Visitatore
« Risposta #15 il: 24, Settembre 2007, 12:37:47 »

Uno sono "le Confessioni", li di personaggi non ce ne sono molti...
L'altro è di Enzo Biagi...e anche li, al max qualche riferimento contemporaneo.
L'ultimo è "Il Nemico", non male, un po' incasineto ma niente male  Wink
Segnala al moderatore   Loggato
Cagno
Homo Sapiens Sapiens
*****
Offline Offline

Posts: 597


cagno80@hotmail.it
Guarda Profilo Email
« Risposta #16 il: 03, Ottobre 2007, 23:42:39 »

TI AMERO' PER SEMPRE La scienza dell'amore, di Piero Angela, ed. Mondadori.

"Ti amerò per sempre". Una frase che milioni di innamorati continuano a dirsi in tutte le lingue, da generazioni e generazioni. Ma cosa c'è dietro queste parole così semplici eppure importanti?
Piero Angela, in questo suo nuovo libro, racconta quello che la ricerca ha scoperto e sta scoprendo sull'amore: come nasce, come cresce, ma anche come può svanire e finire.
C'è un percorso infatti che ogni coppia segue(a volte breve, a volte talmente lungo che può durare una vita) e che passa attraverso una serie di momenti diversi, ma strettamente intrecciati: attrazione, innamoramento, corteggiamento, unione, sesso, molto spesso matrimonio, attaccamento; ma anche gelosia, infedeltà, e magari abbandono e separazione. E' una storia che si ripete da millenni, perchè legata alla grande forza propulsiva della vita: la riproduzione. L'innamoramento dunque, da questo punto di vista, costituisce l'innesco della miccia, la giusta dose di follia che serve per spingerci alla procreazione e all'allevamento della prole.
Ma l'amore non è solo biochimica. Nella nostra specie infatti tutto è diventato fantasticamente variegato, grazie alla parola, all'immaginazione, all'arte e alla raffinata sensibilità dell'essere umano. E' per questo che Piero Angela, il più amato e stimato divulgatore d'Italia, ha deciso di spiegare la scienza dell'amore senza ridurre l'amore alla scienza.
Ti amerò per sempre, basato su centinaia di studi ed esperimenti realizzati negli ultimi anni, è un viaggio meraviglioso nelle "cantine" delle nostre emozioni, miniera di curiosità e di spunti di conversazione, tentativo perfettamente riuscito di analizzare scientificamente l'amore per esaltarne ancora di più il fascino e la poesia.



*  (59.78 KB, 291x436 - visto 470 volte.)
« Ultima modifica: 05, Marzo 2011, 19:03:45 da Cagno » Segnala al moderatore   Loggato

...D'autunno raccolsi tutti i miei dolori per seppellirli in giardino.
E quando tornò aprile e la primavera si unì in matrimonio alla terra, crescevano nel mio giardino fiori bellissimi, che non somigliavano a nessun altro fiore.
E i miei vicini vennero ad ammirarli chiedendomi alcuni semi...
Cagno
Homo Sapiens Sapiens
*****
Offline Offline

Posts: 597


cagno80@hotmail.it
Guarda Profilo Email
« Risposta #17 il: 16, Ottobre 2007, 21:04:25 »

NON SIAMO NATI PER SOFFRIRE, di Raffaele Morelli, ed. Mondadori.

Il messaggio di Raffaele Morelli è tanto semplice quanto rivoluzionario. Quando arriva il dolore, non bisogna evitarlo nè combatterlo, ma cedergli, farsene sopraffare.
Osservandolo senza volerlo spiegare, vivendolo senza volerlo scacciare, il disagio se ne andrà da solo, dopo averci portato il suo messaggio profondo per farci rinascere e ridare senso alla nostra vita.
"Quando il dolore mi chiama" spiega il celebre psicoterapeuta "cerco di non parlare con me stesso, di non dirmi e ridirmi: 'Non doveva andare così'. Non faccio nessuna autocritica [...]. Non cerco neppure di pensare a come correggere l'episodio che ritengo abbia scatenato la mia ferita. Porto dolcemente l'attenzione sul dolore, senza oppormi e, ovunque mi trovi, me ne lascio sopraffare; cerco di sentire bene la sua presenza, di osservare in quale parte del mio corpo si irradia [...]. Si deve rompere lo schema: soffro a causa di qualcosa che è successo, di lui che non c'è più, del mio lavoro [...]. So per certo che più cerco di spiegarla, di capirla, di correggerla, più soffrirò".
Con un'affascinante miscela di saggezza e storie di vita reale, l'autore offre con la sua nota chiarezza e profondità un punto di vista rivoluzionario sul modo di superare il disagio. Per imparare a "soffrire bene" e uscire rinnovati da ogni esperienza negativa.


IL MODO MIGLIORE PER SUPERARE IL DOLORE E' PROVARE A NON MANDARLO VIA.

Se volete provare a capirne qualcosa di più, leggetelo!  Huh?


* Non siamo nati per soffrire.jpg (42.24 KB, 203x306 - visto 348 volte.)
« Ultima modifica: 01, Agosto 2011, 21:37:13 da Cagno » Segnala al moderatore   Loggato

...D'autunno raccolsi tutti i miei dolori per seppellirli in giardino.
E quando tornò aprile e la primavera si unì in matrimonio alla terra, crescevano nel mio giardino fiori bellissimi, che non somigliavano a nessun altro fiore.
E i miei vicini vennero ad ammirarli chiedendomi alcuni semi...
Cagno
Homo Sapiens Sapiens
*****
Offline Offline

Posts: 597


cagno80@hotmail.it
Guarda Profilo Email
« Risposta #18 il: 02, Novembre 2007, 10:34:27 »

MUSSOLINI, di Denis Mack Smith(traduzione di Giovanni Ferrara degli Umberti), ed. Biblioteca Universale Rizzoli.

Questa è una boigrafia politica di Benito Mussolini, non una storia dell'Italia fascista. Mussolini non nacque grande, nè la grandezza gli fu imposta dal corso degli eventi.
La strada che lo portò fuori dell'oscurità dovè aprirsela con la sua ambizione, traendo il massimo partito dalle occasioni che la fortuna pose sul suo cammino. Morendo, nel 1945, lasciò il suo paese distrutto dalla sconfitta militare e dalla guerra civile; per sua stessa ammissione, era divenuto l'uomo più odiato d'Italia.
Ma quando voleva sapeva affascinare e ammaliare, e fu diligentissimo a camuffare il fascismo con tutte le apparenze della plausibilità. Il fascismo italiano fu una realtà molto più ampia della sola persona di Mussolini. E le peculiarità caratteriali di quest'uomo furono un fattore cruciale sia dei successi che dei fallimenti di questo movimento politico. Una persona capace di conseguire un tale culmine di popolarità, per poi precipitare così rapidamente al polo opposto di un'universale ripugnanza, è chiaramente un individuo fuori comune.



* Mussolini.jpg (62.18 KB, 247x391 - visto 384 volte.)
« Ultima modifica: 05, Marzo 2011, 18:49:46 da Cagno » Segnala al moderatore   Loggato

...D'autunno raccolsi tutti i miei dolori per seppellirli in giardino.
E quando tornò aprile e la primavera si unì in matrimonio alla terra, crescevano nel mio giardino fiori bellissimi, che non somigliavano a nessun altro fiore.
E i miei vicini vennero ad ammirarli chiedendomi alcuni semi...
Cagno
Homo Sapiens Sapiens
*****
Offline Offline

Posts: 597


cagno80@hotmail.it
Guarda Profilo Email
« Risposta #19 il: 02, Novembre 2007, 10:49:48 »

MUSSOLINI L'ITALIANOIL DUCE NEL MITO E NELLA REALTA', di Aurelio Lepre, ed. Oscar Mondadori Storia.

L'analisi del mito del Duce s'intreccia strettamente, in quest'opera, alla ricustruzione delle vicende biografiche. Secondo la tecnica suggerita da Bottai nell'ottobre 1936("Bisogna imporre la fisionomia, il gesto, la parola con la reiterazione fotografica, cinematografica, fonografica") fu costruito il mito, a cui lo stesso Mussolini diede il massimo contributo. Volle creare una nuova forma di culto, ma riuscì a dare vita solo a una liturgia. Si propose di dominare il corso della storia, ma finì molto spesso con l'adattarsi alle circostanze.
Nel 1922 si mise a capo della Milano che si muoveva alla conquista di Roma, ma poi si lasciò conquistare da Roma. Andò al governo come sostenitore del più fermo liberismo e si trasformò in statalista.
Credette nel mercato mondiale, ma realizzò l'autarchia. Sognò la gloria in battaglia e si fece catturare in divisa da soldato tedesco.
Ma molti italiani ne subirono il fascino. Il 29 aprile 1945 vollero, impiccandone il cadavere, annientarne l'immagine e distruggerne il mito: fu anche un modo per dimenticare e autoassolversi.



* Mussolini l'Italiano.jpg (67.66 KB, 264x391 - visto 366 volte.)
« Ultima modifica: 05, Marzo 2011, 18:47:19 da Cagno » Segnala al moderatore   Loggato

...D'autunno raccolsi tutti i miei dolori per seppellirli in giardino.
E quando tornò aprile e la primavera si unì in matrimonio alla terra, crescevano nel mio giardino fiori bellissimi, che non somigliavano a nessun altro fiore.
E i miei vicini vennero ad ammirarli chiedendomi alcuni semi...
Pagine: « 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 » Stampa 
« precedente successivo »
Salta a:  


Login con username, password e lunghezza della sessione

Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.11 | SMF © 2006-2007, Simple Machines LLC
Traduzione Italiana a cura di SMItalia
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido!